domenica 25 dicembre 2011

Sveglia Babbo, sveglia!


Da piccola adoravo la notte di Natale, l'attesa e la sveglia la mattina per trovare l'albero adorno di regali...


Si è svegliato il vostro Babbo per portarvi i regali? O è rimasto a letto fino all'ultimo, come il Babbo di questa torta?


La torta è una Red Velvet tagliata in tre strati e farcita con la crema del Dolce delle Dolomiti; per rendere la crema più "natalizia" ho sostituito il vino con l'amaretto ed ho sbriciolato nella crema mezzo torrone bianco friabile.




Il Babbo ed i particolari sono in pasta di zucchero, mentre la testiera del letto ed il comodino sono di Pan di Zenzero


 E questo è l'interno


Vi piace?

domenica 18 dicembre 2011

A proposito di babbo natale e di buchi neri...


Ecco l'ultima tortina realizzata per un'altra festa d natale...


La torta è liberamente ispirata ad una mervigliosa torta della bravissima cake designer Fiorella Balzamo, ovviamente la mia torta non assomiglia nemmeno lontanamente alla sua... adoro le sue creazioni!!!
La base è una Red Velvet senza colorante rosso: non la mollo più, questa base è fantastica!
Una volta cotto la base, l'ho tagliata in 3 parti e farcita con una dose e mezza di crema pasticcera, cui ho apportato queste modifiche: ho sostituito il Marsala con l'Amaretto, ed ho aggiunto mezzo torrone bianco friabile (una metà a crema calda, ed il torrone si è sciolto, ed una metà a crema fredda in modo che il torrone restasse friabile).
Ho composto la torta nella teglia in cui l'avevo cotta, ricoperta di pellicola trasparente, e l'ho lasciata in congelaore per circa 3 ore: questo perchè la crema era molto liquida, e per decorare la torta, avevo bisogno che la struttura fosse ben solida.
Una volta che la torta si è congelata, l'ho tolta dalla teglia e l'ho decorata.
Pe la decorazione, ho ricoperto la torta di crema al burro, preparata con 100 gr di burro, circa 50 di zucchero a velo (ho fatto ad occhio...) e qualche goccia di essenza di mandorla amara. Ho steso il MarshmallowFondant al cacao, ed ho ricoperto la torta interamente; l'ho poi incisa con un coltello umido per disegnare i mattoncini. Con la pasta di zucchero bianca ho realizzato una sfoglia irregolare, per dare l'effetto della neve che si è posata sulla nostra torta. Con lo stesso procedimento, ho realizzato il comignolo.
 
Infine sulla cima del comignolo ho posto il Babbo Natale, troppo ciccione per riuscire a passare dal camino!

Ho aggiunto un cordoncino rosso e bianco per rifinire la base, qualche agrifoglio e qualche fiocco di neve.



 
Et voilà, la torta è pronta!

domenica 11 dicembre 2011

Babbo Natale e i buchi neri...


Beh più o meno così è stata definita la mia ultima  tortina, o per essere precisi, "Babbo Natale che viene fuori da un buco rosso, una porta dimensionale che lo catapulta in una realtà parallela..." Mah...!!!
Era un po' che pensavo a questa tortina, poi ho comprato finalmente il colorante alimentare rosso in polvere e volevo testarne l'effetto... ho comprato anche un bellissimo stampino ad espulsione a forma di fiocco di neve e non vedevo l'ora di usare anche quello... e poi volevo provare la tecnica delle "forbicette" per creare il pompom... per non parlare del fatto che ho cercato la gomma crepla per mari e per monti per ricoprire il vassoio, e alla fine l'ho dovuta acquistare su internet... i misteri delle grandi città!
Bando alla ciance, vi descrivo questa torta.
E' molto semplice, è un panettone farcito! 
Ho comprato un panettone senza canditi, l'ho svuotato e l'ho farcito con questa crema (1 dose e mezza) amalgamata da fredda con 125 gr di mascarpone... una vera goduria! Per prima cosa ho tagliato la calotta del panettone, l'ho svuotato con un coltello lasciando intatti la base ed i bordi, poi ho versato un terzo della crema, coperto con i ritagli di panettone, versato altra crema, altro panettone e così via.
Per la decorazione, ho preparato precedentemente il naso ed i baffi di Babbo natale, che si tengono insieme grazie ad uno stuzzicadenti. Ho ricoperto il panettone con un leggero strato di miele ed ho steso la pasta di zucchero rossa ricoprendolo tutto. Ho poi fissato naso e baffi alla base del panettone con uno stuzzicadenti, e con la pasta di zucchero bianca ho realizzato la falda del cappello ed i fiocchi di neve. Infine, ho tagliuzzato con una fobicetta una pallina di pasta di zucchero bianca per creare il pompom, ed ho fissato anche questa in cima al panettone con uno stuzzicadenti.
Ultimi ritocchi al vassoio con i fiocchi di neve glitterati (non sono commestibili!) e la torta è pronta!




OhOhOh!!!

martedì 6 dicembre 2011

Il Risotto nella Zucca


Ecco un'idea per gustare un risotto alla zucca un po' diverso, con una presentazione pparticolare, che potrete sfruttare quando avrete ospiti a cena. L'idea è presa dal forum di cookaround, poi ho lievemente modificato la ricetta a mio gusto, cosa che potrete benissimo fare anche voi!

Ecco cosa occorre per due persone:
una piccola zucca tonda da circa 1kg, 1 kg e mezzo
150 gr di riso
cipollina
brodo vegetale
scamorza affumicata (quantità a piacere)
parmigiano (idem)



Togliete la calotta alla zucca e svuotatela pulendola bene ed eliminando semini e filamenti. Stufate un po' di cipolla in due cucchiai d'olio, poi fate saltare in padella la zucca tagliata a dadini. Salate.
Dopo una decina di minuti, aggiungete il riso, fatelo tostare, poi portate a cottura il risotto aggiungendo il brodo vegetale caldo. 
Intanto date una prima cottura all'involucro/zucca: avvolgetela in carta stagnola e ponete in forno a 200° per dieci-quindici minuti (il tempo di cottura del riso).
Quando il riso è cotto al dente, prendete l'involucro/zucca e riempitelo a strati con riso, parmigiano e scamorza, concludendo con il riso. Spolverizzate di parmigiano e rimettete in forno per altri quindici minuti, o comunque finchè non formerà la crosticina in cima.



Buon appetito!!!

sabato 3 dicembre 2011

Red Velvet


Era da tempo che volevo provare questa torta di velluto rosso, incuriosita dal colore e dal fatto che in America sia così diffusa ed ampiamente utilizzata per le torte decorate. L'assaggio non è stato per niente deludente, sapore delicato e consistenza morbida al punto giusto, con la crema che ho usato io non è stato neanche necessario bagnarla!
Vi posto la ricetta che ho usato, presa qua e là dalla rete e modificata a mio piacimento... dico modificata perchè la ricetta originale prevede il latticello (buttermilk) sostanza sconosiuta ed introvabile in Italia che, come insegna Wikipedia, "...è una bevanda popolare nell'Europa Settentrionale e in alcuni paesi asiatici ". Per produrlo a casa consigliano di far inacidire il latte o far impazzire la panna montata... tutte azioni che sinceramente mi facevano un po'... ribrezzo :-P (scusate sono un po' schizzinosa...). Ho trovato su internet anche questo consiglio: "preparare una miscela con il 50% di latte e il 50% di yogurt bianco intero". Alla fine però, come è nel mio carattere, ho fatto di testa mia, ed ho sostituito 120 gr di latticello con un vasetto di yogurt alla vaniglia da 125gr... 


Fatta questa premessa, sapete che quindi questa non è la ricetta originale della Red Velvet... però era buona!!!

Ingredienti per la base:
2 uova
200 gr di zucchero
200 gr di farina
60 gr di burro
60 gr di olio di semi
125 gr di yogurt alla vaniglia
10 gr di cacao amaro in polvere
un cucchiaino di colorante alimentare rosso
mezza bustina di lievito (8 gr)
1 bustina di vanillina

Setacciare la farina con il lievito, lo zucchero, il cacao, il coloranterosso e la vanillina. In una terrina a parte lavorare il burro con lo yogurt, poi aggiungere l'olio e le uova una alla volta. Aggiungere la farina setacciata con gli altri ingredienti al composto di uova. Cuocere in forno preriscaldato a 165° gradi per circa 40 minuti. Lasciar raffreddare a forno spento.
Una volta che la base è fredda tagliarla in tre parti e farcirla.

Per la farcia
125 gr di formaggio spalmabile light
3 cucchiai di zucchero a velo
un cucchiaio di essenza alla vaniglia
125 gr di crema di latte

Montate la crema di latte, poi lavorate il formaggio con lo zucchero e la vaniglia. Aggiungete la panna al formaggio, amalgamando gli ingredienti delicatamente con una spatola, in modo che la panna non si smonti. 
Consiglio di preparare la crema il giorno prima, perchè appena fatta è molto liquida, ma lasciata qualche ora in frigorifero, si solidifica e può essere utilizzata anche per la decorazione. 
Farcire la torta, tenendo da parte un po' di crema per ricorpirla anche esternamente.
Ecco come si presentava l'interno:

Ho decorato la Red Velvet con dei delicati fiocchi di neve di pasta di zucchero. La torta è piaciuta molto, la rifarò sicuramente!


giovedì 17 novembre 2011

Fiori di zucca ripieni

Non i soliti deliziosi fiori di zucca pastellati e fritti, con la mozzarella filante e l'alicetta... no no! Qui c'è profumo (o meglio puzza) di dieta, senza rinunciare a coccolarsi un po'... per cui qualche sera fa ho cucinato questi fiori di zucca (da una ricetta della mia mamma).

Per circa 9 fiori:
125 gr di ricotta
125 gr di stracchino
un paio di fette di prosciutto crudo o cotto, a seconda dei gusti
parmigiano (un bel paio di cucchiai)
sale e pepe
mezzo bicchiere di latte
pangrattato di mais (che personalmente mi piace di puù, ma va bene alnche il pangrattato classico).

Lavare accuratamente i fiori privandoli delle foglioline e del picciolo; asciugarli con un po' di scottex.
Preparare la farcia lavorando la ricotta con lo stracchino ed il prosciutto, aggiungere poi il parmigiano, il sale ed il pepe.
Farcire i fiori aiutandosi con un cucchiaino. Una volta che li abbiamo farciti tutti, passiamoli nel latte e nel pagrattato, tenendo i petali chiusi, in modo che si sigillino con il pangrattato.
Ponete i fiori così farciti su una teglia usa e getta, appena unta di olio, condite con un altro filino d'olio e mettete in forno a 180° per circa un quarto d'ora (fino a doratura).


Gustate ben caldi.




Vi assicuro che sono gustosissimi, provateli!

domenica 13 novembre 2011

Un cappellino per una dolce nonna

Ieri è stato il compleanno della mia dolce nonnina, e per lei, insieme a mia cugina, abbiamo realizzato questa torta cappellino.

La torta è uno zuccotto di pan di spagna leggermente bagnato con latte, zucchero a velo ed acqua di fiori d'arancio,  farcito con ricotta, mascarpone e gocce di cioccolato.
La mattina della festa ci siamo dedicate a 4 mani alla decorazione della torta. 
Lo zuccotto è stato rovesciato su un vassoio bianco comprato per l'occasione ed è stato ricoperto di panna montata. Abbiamo poi steso la pasta di zucchero bianca, e l'abbiamo distribuita sullo zuccotto lasciandone strabordare circa 4 cm per creare le balze del cappello.
Con la pasta di zucchero blu abbiamo realizzato il nastro ed il fiocco, che abbiamo attaccato al bordo del cappello aiutandoci con un po' di acqua. 
Infine abbiamo realizzato le margherite e le rose e dato un po' di luce con i confettini argentati. 
Per creare il movimento della balza del cappello, abbiamo inserito dei supporti di carta argentata, prontamente rimossi un attimo prima di portare la torta in tavola!
Questo è l'interno:


Alla festeggiata è piaciuta molto, e a voi?

martedì 1 novembre 2011

Cheesecake alla zucca


Ciao tutti!
Come forse vi ricorderete da l'anno scorso, sono un'amante della zucca e ieri ho voluto provarla in versione cheesecake. Dato che poi ieri era la tanto discussa serata di Halloween, ne ho approfittato per provare una decorazione "paurosa"...
La ricetta e la decorazione sono prese dal sito giallozafferano.it, con alcune mie modifiche.
Ingredienti
Per la base:
250 gr di biscotti secchi (loro consigliano i Digestive, io ho usato gli Atena, direi che va bene qualsiasi tipo di biscotto, l'importante è che sia di sapore "neutro"-insomma no i biscotti al cioccolato ecco...)
100 gr di burro (la ricetta ne indicava 150, ma io avevo un panetto da 125 e mi serviva anche per altre ricette...per cui ne ho usati 100 gr. Sono bastati, e la base era comunque gustosissima)
La ricetta prevedeva nella base anche due cucchiai di zucchero di canna, ma io non amo i "dolci troppo dolci"per cui non li ho messi.
Per la crema:
500 gr di formaggio spalmabile (va bene qualsiasi marca)
250 gr di zucca (io ne ho messi 400 gr. Il peso si riferisce alla zucca pulita cruda)
150 gr di latte (la ricetta voleva 200 gr di panna...ma ho preferito il latte, per avere una torta un po' più leggera...)
150 gr di zucchero (anche qui, erano 200 gr ma ho diminuito un po' la dose)
2 uova + 2 tuorli
Zenzero e cannella a volontà! (la ricetta dice: un cucchiaino di cannella e mezzo di zenzero...ma assaggiando l'impasto, a mio gusto, si sentivano troppo poco le spezie!)

Tagliare la zucca a cubetti e cuocere a vapore o in un pentolino con poca acqua. Una volta cotta, passare al mixer e ridurre ad una purea.
Ridurre i biscotti in briciole aiutandosi con il mixer. Sciogliere a fuoco lentissimo il burro ed aggiungerlo ai biscotti. Mescolare con un cucchiaio. Versare il mix di biscotti e burro in una teglia di 24 cm con cerniera apribile, imburrata e rivestita di carta da forno. Aiutandosi con un cucchiaio, compattare il biscotti sul fondo e mezzo centimetro sui lati della teglia, distribuendoli in uno strato omogeneo. Mettere in forno statico, a 180° per circa 15 minuti (il tempo di preparare la crema).
Mescolare insieme con il mixer o a mano, il formaggio, la zucca, lo zucchero, le uova, il latte e le spezie, fino ad ottenere una crema omogenea. Versare la crema sulla base di biscotti e cuocere a 190° per circa 40-50 minuti. La mia come vedete si è un po' spaccata, l'ho cotta troppo, ben 60 minuti!
Allo scadere del tempo, non tirate la torta subito fuori dal forno, ma spegnete il forno e lasciatelo raffreddare a porta socchiusa con la torta dentro. Così non si abbasserà!
Quando la torta è fredda, potete dedicarvi alla decorazione: sciogliete a bagnomaria o al microonde, 50 gr di cioccolato. Con l'aiuto di un conetto di carta forno (o per chi non lo sa fare, come me, di una sacca da pasticcere o, più semplicemente, potete usare una bustina per congelati cui avrete tagliato un angolino) disegnate la ragnatela. Cominciate dai raggi, poi uniteli tra loro con una colata morbida di cioccolato.



Fate riposare in frigo almeno due ore prima di gustare.

Ed ecco la fetta!




Ottima e speziata al punto giusto!

mercoledì 26 ottobre 2011

Torta leggera

Qualche sera fa cercavo una ricetta veloce per un dolce leggero e mi sono imbattuta in questa ricetta, sul forum di cookaround; non potevo però copiarla così, senza metterci qualcosa di mio... per cui l'ho provata un paio di volte con qualche modifica...

La ricetta base prevede
9 cucchiai di farina
9 cucchiai di zucchero
9 cucchiai di latte
9 cucchiai di olio
2 uova
1 bustina di lievito
scorza grattugiata di limone

Sbattere le uova con il latte e l'olio, poi aggiungere lo zucchero e la farina setacciata con il lievito. Infine aggiungere la scorza di limone.
A questo punto però non ero soddisfatta, per cui ho sbucciato una mela e l'ho tagliata a fettine. Ho ricoperto una teglia da 20 cm con carta da forno, vi ho versato l'impasto ed ho appoggiato le mele in superficie.
Cuocere a 180° per circa 25 minuti (fare la prova stecchino).
L'impasto è molto liquido, per cui le mele non si mantendoììgono in superficie, ma sprofondano... al gusto, comunque, la torta era molto buona, ed ideale per la colazione!



L'ho poi provata al cacao: ho sostituito due cucchiai di farina con due cucchiai di cacao amaro; inoltre ho sostituito 5 cucchiai di latte con 5 cucchiai di yogurt bianco... morbidissima!


Provatela!

martedì 25 ottobre 2011

Crostata di Mele





La torta o crostata di mele ha mille versioni e ricette diverse, ognuna di noi la personalizza a modo suo ed ama la sua versione, per cui oggi ve ne propongo un'altra (rubata ad un libro di ricette e provata per la prima volta la scorsa settimana) che secondo me è un po' diversa...infatti per prima cosa, non è l'impasto di un ciambellone, ma di una crostata. E poi è arricchita da una delicata crema al marsala... mmm una goduria!

Vi scrivo la ricetta, ma non fatevi spaventare dalla sua lunghezza...non è difficile!
Per la base:
250 gr di farina
160 gr di burro
3 cucchiai di acqua fredda (io ho sostituito un cucchiaio di acqua con uno di essenza di vaniglia)

Impastare il burro con la farina fino ad ottenere un impasto a briciole, poi aggiungere l'acqua. Formare una palla e far riposare in frigo un'ora. Mentre la pasta riposa in figo, preparate la farcia.

3 mele renette
300 gr di latte
30 gr di farina
100 gr di zucchero
80 gr di biscotti secchi sbiciolati
50 gr di uvetta ammorbidita nel Marsala
2 tuorli d'uovo
3 cucchiai di confettura di albicocche
un limone
3 cucchiai di Marsala

Sbucciate una mela lasciandola intera e togliete il torsolo con un coltello affilato. Mettetela in una casseruola e ricpritela di acqua. unite 20 gr di zucchero e la scorza del limone. Cuocete per 10-15 minuti. Scolatela e fatela raffreddare.

Mentre la mela cuoce, preparate la crema: scaldate il latte con un baccello di vaniglia (se l'avete) inciso nel senso della lunghezza. Montate i tuorli con 50 gr di zucchero, aggiungete la farina, il Marsala ed infine il latte a filo. Cuocete la crema a fuoco basso mescolando finchè si addensa.

Prendete la pasta che ha riposato in frigo, e stendetela a 3mm di spessore. Foderato con la pasta uno stampo a cerniera di 24 cm imburrato e rivestito con carta da forno. Punzecchiate la base con una forchetta.
Spolverizzate ora la base con metà dei biscotti sbriciolati, stendetevi la crema e completate con i restanti biscotti e l'uvetta ammorbidita nel Marsala, tenendone da parte un cucchiaio. Sbucciate le due mele rimaste e tagliate tante fettine. Sistemate le fettine sulla crostata.

Preparate la mela intera: farcitela con un cucchiaio di confettura mescolata all'uvetta. Stendete la pasta che vi è avanzata, ritagliate un paio di strisce di un cm e arrotolatele intorno alla mela intera. Poggiatela al centro della torta.
Sciogliete il resto della confettura a bagnomaria e usatela per spennellare le fettine di mele. Spolverizzate di zucchero (io ho usato lo zucchero di canna) e cuocete la torta in forno a 180° per 40 minuti.


Vi piace?

giovedì 13 ottobre 2011

Una camicia per papà


Ecco la mia ultima torta, che soddisfazione!
E' stata creata in onore del compleanno del mio papino...

La base è un pan di spagna, cotto la sera prima e messo a raffreddare. Una volta freddo l'ho tagliato in tre parti, e l'ho farcito con la fantastica Camy Cream, ricetta presa dal forum di cookaround.
La ricetta prevede di lavorare 500 gr di mascarpone con 140 gr di latte condensato e 250 gr di panna montata. E' molto semplice, ma perfetta per queste lavorazioni perchè è una crema molto soda. Io ho aggiunto una tazzina abbondante di caffè, per aromatizzare la crema, ed ho bagnato il pan di spagna con caffè amaro.
Ho ricoperto la torta con pasta di zucchero bianca aromatizzata alla vaniglia. Ho preparato i particolari del colletto, la cravatta ed i bottoni con qualche giorno di anticipo, in modo che si seccassero un po'.

Eccola qui!

E questa è la foto della fetta

 


Vi piace?
:D

lunedì 3 ottobre 2011

wedding cookies




Eccomi qui! Scusate l'assenza ma sono stata "occupata" in uno splendido matrimonio e in un viaggio di nozze ancora più bello! Ed ora sono tornata e voglio parlarvi di questi biscottini segnaposto che ho realizzato per l'occasione.
Ecco come ho fatto: per prima cosa ho preparato la pasta di zucchero bianca e nera.
Per la sposina ho steso la pasta bianca e l'ho incisa con un attrezzo a ghirigori, poi ho tagliato tanti cuoricini con il tagliabiscotti e con la glassa bianca ho attaccato un confettino argentato.
Per lo sposino, ho steso la pasta bianca ed ho tagliato tanti cuoricini con il tagliabiscotti. Poi ho steso la pasta nera, ho tagliato altrettanti cuori ed ho eliminato in triangolino centrale per fare lo scollo della giacca. Ho attaccato con la glassa bianca la giacca nera sulla camicia bianca, poi ho attaccato i particolri con la glassa: due confettini argentati per i bottoni ed un fiocchetto di pasta di zucchero nera per il papillon.
Qualche giorno prima del matrimonio ho cotto i biscotti a forma di cuore ed ho attaccato la sposina e lo sposino sui biscotti freddi, usando la glassa bianca. Infine li ho chiusi
con un fiocchetto in una bustina trasparente per alimenti.





Non sono carini? :)

giovedì 11 agosto 2011

Torta Gelato




Con questo caldo la voglia di cucinare e mangiare manca, personalmente mangerei solo gelato, ma dato che mi piace pasticciare e non mi accontento certo di una misera vaschetta, ecco che vi propongo una torta ideale anche per un compleanno estivo :)

Ci occorre: Il bordo apribile di una tortiera da 24 cm Un pan di spagna tondo da 24 cm
Biscottini a sigaretta (almeno due confezioni)

3 gusti di gelato a piacere (io in particolare ho usato fragola, panna e pistacchio)
frutta secca/scaglie di cioccolato (io ho usato pistacchi efarina di cocco)


Bene per prima cosa prendiamo il geato al pistacchio e lo teniamo fuori dal freezer così che si ammorbisica un po'. Mentre è lì che si scoglie, foderiamo il bordo della tortiena di domopak. Lo poggiamo poi su quello che sarà il nostro piatto da portata. Attezione: il domopak deve essere solo sui lati, non sulla base!
Ora prendiamo in nostro disco di pan di spagna e lo rifiliamo ai lati, togliendo circa mezzo centimetro.
E' il momento adesso di armarsi di santa pazienza: prendiamo i nostri biscotti a sigaretta e ricopriamo tutto il bordo ponendoli uno di fianco all'altro. Non preoccupatevi se usciranno perchè saranno troppo alti, non è un problema, la torta più alta è più bella!

 

Quando tutti il bordo è coperto da biscotti, inseriamo il nostro pan di spagna, che sarà il fondo della torta.
A questo punto il nostro gelato sarà bel liquido, per cui possiamo cominciare a comporre la nostra torta! Prendiamo il gelato, lavoriamolo un po' con il cucchiaio e versiamolo sul pan di spagna formando uno strato omogeneo. Cospargiamo di pistacchi e poniamo in freezer per una mezz'oretta.
Passata una mezz'ora, in cui avrete tolto il gelato alla panna dal freezer, ripete l'operazione: lavorate il gelato nella vaschetta con il cucchiaio e versatelo sul gelato al pistacchio. Cospargete di farina di cocco e ponete in freezer un'altra mezz'ora. Completate con il gelato alla fragola, e, se vi piace, decorate con fragole a fette.
Io non avendo le fragole, ho decorato sempre con il gelato, disegnando tre cerchi con i tre gusti che avevo usato, e cospargendo con i pistacchi sbriciolati. Tenete in freezer fino al momento di servire. Quando arriva il momento della torta, tiratela fuori dal freezer ed eliminate il bordo apribile della tortiera ed il domopak (si toglierà facilmente!).



Da gustare ben fresca!

Con questa ricetta partecipo al contest Un'Estate Dolce Dolce

 

domenica 3 luglio 2011

I primi 18 anni di Lucry




Eccomi di nuovo qui!
Per i 18 anni di Lucry abbiamo preparato questa torta numero ripiena di ricotta panna e gocce di cioccolato (è la torta delle dolomiti che trovate qui). 



Parlo al plurale perchè abbiamo contribuito tutti per creare questa torta: mio papà ha fatto la sagoma, mia mamma il pan di spagna, la festeggiata invece si è dedicata ai fiorellini. 
Una volta cotto il pan di spagna (direttamente nella teglia a forma di numero), abbiamo aspettato che si raffreddasse, poi l'abbiamo farcito con la crema. La torta è stata infine ricoperta di panna montata, colorata con coloranti alimentari in polvere.



Semplice e d'effetto, non trovate? :)

martedì 14 giugno 2011

Sposina






Questa tortina (che in realtà non è una torta, ma un biscottone farcito!) è stata creata per un addio al nubilato per una sposina ormai vicinissima al matrimonio! :D
Ho fotografato qualche passaggio così da farvi vedere come l'ho realizzata.
Per prima cosa ho impastato la pasta frolla, l'ho stesa ed ho ritagliato due sagome della sposina, aiutandomi con un foglio di carta su cui precedentemente avevo stampato la sposina da realizzare. Ho ritagliato anche un ovale e tre pallini per fare un fumetto.



Ho cotto la frolla in forno a 170° per circa 15 minuti.
Ho preso poi tanti panetti di pasta di zucchero che avevo preparato in precedenza. Li ho stesi con il mattarello ed ho ritagliato le varie parti della sposina, aiutandomi sempre con il foglio di carta. Ho ritagliato quindi la sagoma del viso, il vestitino, la sagoma dei capelli... posando la sagoma di carta sulla pasta di zucchero ho ritagliato la pasta di zucchero e l'ho "incollata" sul biscotto usando un po' di acqua e zucchero.




Per i capelli, ho fatto un mix di cacao amaro, zucchero a velo e acqua e l'ho spalmato sulla pasta di zucchero arancione che fa da base ai capelli; ho aspettato che asciugasse un pochino e poi, passando uno stecchino, ho creato l'effetto capelli.
Per la tiara ho usato i confettini argentati.
Infine mi sono dedicata alla creazione del bouquet: ho fatto 5 salamini verdi per gli steli, poi ho creato le calle con un salamino giallo ed un cerchietto lilla, le roselline con la pasta di zucchero bianca avvolta su se stessa e le margherite con un cerchietto lilla ed un confettino argentato.





Ho lasciato asciugare.
Qualche ora prima della festa ho preso il secondo biscotto (quello non decorato) e l'ho attaccato al vassoio con un po' di acqua e zucchero. Ho poi spalmato il biscotto non decorato con la nutella e vi ho posato sopra il biscotto decorato. Infine ho lucidato il tutto con un pennellino bagnato con acqua e glitter.




Io sono molto soddisfatta del risultato... e voi? :D

lunedì 6 giugno 2011

Addio al Nubilato

Ebbene sì... la mia amica di università Ele (che potete conoscere qui) si sposa!!! E a noi è toccato l'arduo compito di organizzare l'addio al nubilato :D
Tra una tequila bumbum e uno spogliarellista scatenato, è saltata fuori anche una tortina decorata...
Dato che il locale in cui siamo state (un localino sulla spiaggia con aperitivo in riva al mare, molto carino) richiedeva torte che non necessitassero di frigorifero, ho realizzato una torta di grano saraceno, non molto estiva, ma molto gustosa!

Ecco la ricetta:

250 gr di burro
250 gr di zucchero
6 uova
250 gr di farina di grano saraceno (si trova facilmente nei supermercati)
250 gr di mandorle tritate
1 bustina di vanillina
(la ricetta non prevede lievito, ma io per sicurezza, ne ho setacciato un cucchiaino nella farina)

Per farcire:
un vasetto di marmellata di frutti rossi (io in questa occasione ho usato i mirtilli)

Tirate fuori il burro dal frigo almeno una mezz'ora prima di cominciare a cucinare la torta: così sarà morbido e facile da lavorare.
Scusciate le uova separando i tuorli dagli albumi. Riponete gli albumi in frigo fino al momento di usarli.
Lavorate il burro con lo zucchero e i tuorli finchè non otterrete un composto spumoso. Amalgamate ai tuorli la farina, le mandorle e la vanillina. Io in questa occasione non sono riuscita a trovare le mandorle, e le ho sostituite con le nocciole; ne ho tritate 3/4 e le restanti le ho aggiunte intere al composto.
Ora riprendete gli albumi e montateli a neve. Unire le chiare montate al composto.
Versare il composto in una teglia imburrata.
Cuocete la torta in forno precedentemente riscaldato, a 180° per un'ora; fare la prova stecchino per verificare la cottura. Dopo un'ora, spegnete il forno e lasciate raffreddare la torta nel forno spento e chiuso.
Quando la torta è ben raffreddata, tagliatela a metà e farcitela con marmellata di frutti rossi.


Una delizia!





Eccola qui! (scusate, la qualità della foto è veramente pessima!)





La cialda è realizzata in pasta di zucchero aromatizzata alla mandorla, e disegnata con pennellino e coloranti alimentari liquidi. Ogni formichina ha sotto scritto il nome di una partecipante alla festa.



Spero che alla sposa sia piaciuta!

domenica 29 maggio 2011

Un boccale di birra Lòrenz

Per il compleanno di mio fratello io e mia sorella abbiamo preparato questa torta a forma di boccale di birra; l'etichetta dice Lòrenz, volendo imitare l'etichetta della Céres (imitazione non proprio ben riuscita...)
E' un pan di spagna farcito con crema pasticcera e gocce di cioccolato. La copertura è di pasta di zucchero aromatizzata alla mandorla e colorata con coloranti alimentari liquidi. La schiuma è panna montata.



Carina vero? :)

sabato 21 maggio 2011

Auguri fratellazzo

Oggi è il comleanno del mio adorato (perchè unico...in tutti i sensi!) fratello, e come festeggiare se non con una torta? Dato che quella di quest'anno, però, è in preparazione, vi farò vedere come abbiamo festeggiato l'anno sorso...
Mio fratello ha un elenco infinito di hobby e passioni, uno di questi è la musica... la musica in tutte le sue forme, e con tutti gli strumenti che riuscite a immaginare.. quando vivevamo insieme, questo era uno dei motivi per cui non andavamo d'accordo: a qualsiasi ora del giorno gli venga voglia, lui SUONA. Potete immaginare cosa voglia dire quando si è sotto esame?
Beh bando alle ciance, lo strumento per eccellenza, che ama suonare e di cui possiede una cosa come 6 esemplari diversi, è la chitarra. SEI chitarre. Io ho scelto la sua preferita, ed ho cercato di riprodurla il più fedelmente possibile. Purtoppo ai tempi non maneggiavo gran che la pasta di zucchero, per cui ho usto la panna.
Eccola, vi piace? E' un semplice pan di spagna farcito con crema e cioccolato e ricoperto di panna colorata di celeste. Per il manico ho usato la crema al cioccolato. Le corde sono di glassa, mentre la tracolla è di cioccolato, con scritte sempre di glassa.


Al festeggiato è piaciuta molto, e a voi? :)

venerdì 20 maggio 2011

Scusate l'assenza...

...ma la (pseudo)dieta mi ha impedito di cucinare i soliti manicaretti, con mia infinita tristezza e depressione... ma no sto scherzando!!! Niente tristezza e depressione, e qualcosina ho anche cucinato... ma veniamo a noi... 
Non avendo grandi nuove e belle ricette, vorrei proporvi una torta che ho preparato l'anno scorso in occasione di una gara che si svolge a Roma tutti gli anni: la Roma-Ostia, 21 Kilometri da percorrere di corsa partendo da Roma-Eur per arrivare sul lungomare. Vi mostro ora questa torta perchè domenica ci sarà un'altra gara, molto più piccola ma con un grande significato: la Race for the Cure.
Si tratta di una mini-maratona di raccolta fondi, sono solo 5 km e si propone di esprimere solidarietà alle donne che si confrontano con il tumore del seno e di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione. Per chi volesse partecipare, la partenza è domenica 22, alle 10 dalle Terme di Caracalla! 
Ma torniamo alla nostra torta: la base è un ciambellone dietetico (la ricetta in questo post); una volta raffreddato l'ho tagliato a metà e farcito con panna e nutella (i poveri runners dovevano recuperare le forze!).
Le lumachine i fiori e le farfalle sono biscotti di pasta frolla, decorati con la glassa: sul petto hanno il pettorale dei runners protagonisti della torta!
Ho completato con ciuffetti di panna verde per il prato e azzurri per il mare, a simboleggiare Roma e Ostia (indicate anche da due cartelli in pasta frolla).


















Spero vi piaccia! :D